La produzione petrolifera della Libia aumenta e intercetta l'accordo del secolo

La produzione petrolifera della Libia aumenta e intercetta l'accordo del secolo

È probabile che la produzione di petrolio e gas della Libia aumenti nel bel mezzo del movimento economico, della società libica, dei programmi economici e di audit che stanno lavorando al processo di preparazione dello sviluppo economico nel mondo del petrolio e del gas.

I livelli di produzione del petrolio libico ammontavano a 1,28 milioni di barili al giorno come riportato nelle relazioni del novembre 2018, il che significa che la produzione di petrolio della Libia è raddoppiata in termini di produttività.

La produzione del petrolio libico è aumentata drammaticamente nonostante i tagli dell'OPEC, l'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), con la produzione della Libia nella seconda metà dell'anno che è salita ai massimi livelli in più di cinque anni.

Ma la Libia, ricca di petrolio e gas, sta lottando con la corruzione finanziaria, amministrativa, economica e sociale con divisioni politiche e sovrane nelle sue istituzioni nazionali, in cui la Libia sta riconsiderando il suo uso delle risorse petrolifere per invertire l'impasse dalla sua rivoluzione nel 2011 .

Negli anni recenti sono stati ripetutamente attaccati impianti di produzione petrolifera per attacchi terroristici e sequestri da parte di milizie in guerra. A settembre, il Dipartimento di Stato americano, in cooperazione con le Nazioni Unite, ha imposto sanzioni a un importante leader della milizia libica per aver rapito strutture vitali per il petrolio a giugno.

Mentre la popolazione libica si trova sulle maggiori riserve petrolifere provate dell'Africa, la sua popolazione non ha alcun beneficio, dal momento che le Nazioni Unite stimano che oltre il 40% dei libici vive al di sotto della soglia di povertà.

Tra la situazione di stallo e i problemi che la Libia sta affrontando nelle posizioni di protesta organizzate dai lavoratori del settore petrolifero in nove giacimenti petroliferi libici c'è un aumento del 67% dei salari di base e l'erogazione di aumenti tardivi al settore petrolifero attraverso il bilancio del prossimo anno per il 2019.

La sovvenzione interna della Libia è stata soddisfatta dalla comprensione della comunità OPEC, dalle difficoltà incontrate dalla Libia e dai tagli alla produzione petrolifera libica in passato. L'OPEC desidera mantenere i prezzi invariati. Libia e Nigeria sono state esentate dalle riduzioni dell'OPEC da gennaio 2017 a causa di controversie interne.

Con i prezzi del petrolio in ascesa dal mercato in calo e in calo da un massimo di quattro anni nella più lunga serie di perdite in 34 anni, l'OPEC è in trattativa con la Libia e la Nigeria per un accordo di taglio nelle produzioni.

L'Arabia Saudita, il più grande esportatore mondiale di cellule con 15 membri, afferma di dover produrre circa 1 milione di barili al giorno (bpd) e le preoccupazioni per l'eccesso di offerta arrivano dopo che l'Arabia Saudita inizialmente si è mossa per aumentare le scorte prima delle sanzioni statunitensi sul settore energetico iraniano.

Per tornare alle produzioni più elevate, la compagnia petrolifera nazionale libica costruirà la sua industria energetica dalla crisi della 17a rivoluzione, le sue esportazioni totali di petrolio sono aumentate a 3,5 miliardi di dollari finora, più dello scorso anno e 1,7 miliardi di dollari a La Cina nel 2017.

Il ritiro del Qatar dall'OPEC dal prossimo anno al 2019 fu una decisione di declinare la sua influenza e l'isolamento politico e le risposte del ruolo dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti e della Russia, che domina il mercato petrolifero.

Molti abitanti del luogo vedono l'uscita di Qatar come non influenzata dalla produzione petrolifera del Qatar, ma la produzione di gas del Qatar, che è la più importante, è aumentata del 10% all'anno a 110 milioni di tonnellate all'anno entro il 2024.

Per quanto riguarda la Libia, ripensare al fattore politico è l'incontro tardivo di Palermo in Italia, che fornirà un certo ottimismo politico per la Libia, che sta lavorando per rovesciare la situazione di stallo e cambiare il modello di pensiero tra i poli politici divisi.

Il maresciallo Khalifah Hafter è nei controlli della parte orientale del paese e il primo ministro Fayez Sarraj, dall'altra parte del governo di riconciliazione nazionale nella capitale libica di Tripoli, nella regione occidentale, lavorando per sostenere il piano delle Nazioni Unite per le elezioni anno.

I fattori politici in Libia sono intrecciati con il lavoro economico e di sicurezza. La depressione che soffre oggi in Libia sono quei fattori e le lezioni apprese da loro in alcune narrazioni e nel flusso di emozioni negative diffuse in ogni aspetto della Libia.

Quello che sta accadendo in Libia è la divisione tra Est e Ovest e l'accumularsi di problemi finanziari sia nel bilancio generale dello Stato libico che nel follow-up dell'erogazione del bilancio generale.

La Libia continuerà certamente con i paesi OPEC e colpirà gli attuali livelli record del greggio libico.

"La produzione petrolifera a lungo termine continuerà probabilmente a salire in quanto un accordo politico faciliterà ulteriori investimenti nei giacimenti petroliferi della Libia", ha detto il consulente del Gruppo Eurasia in una nota di ricerca la scorsa settimana.

Il maresciallo Khalifa Hafer, che era contrario alle elezioni, ritiene che ora sia più favorevole alle elezioni anticipate per capitalizzare la sua crescente popolarità verso Seraj.

Le elezioni saranno probabilmente complesse e la misura in cui tutte le parti interessate e le fazioni in Libia accettano i risultati è incerta.

Il Marshal Khalifa Haftar controlla la mezzaluna petrolifera nel Golfo Orientale della Sirte, che comprende quattro principali porti che costituiscono la parte del leone delle esportazioni di petrolio della Libia, i quattro siti sono le principali fonti della tanto agognata valuta in Libia oggi.

Il governo della riconciliazione nazionale si affida alle milizie armate libiche per imporre l'ordine a Tripoli e finora non è stato in grado di assumere il controllo assoluto e ha fallito nei suoi tentativi di smobilitare i combattenti e integrarli nelle strutture dello stato libico ufficiale o regolare esercito nazionale libico.

La maggior parte delle milizie armate libiche sono milizie sparse che non sono interconnesse e spesso si scontrano, rafforzando la possibilità delle capacità militari del maresciallo Khalifa Hater di espandere le aree sotto il controllo della base orientale.

Molti di noi sono in ultima analisi alla presenza di due forze coinvolte nella ricerca di soluzioni alla crisi libica, indipendentemente da chi ha più interessi in Libia e dalla capacità delle due forze di imporre un accordo del secolo sulla realtà del Libico nazione, che ha menzionato nell'introduzione dell'articolo obiezione.

L'Italia e la Francia hanno ingenti investimenti nel settore petrolifero della Libia, oltre alla sua vicinanza geografica.

La Libia vanta le sue risorse petrolifere relativamente economiche per l'estrazione, la qualità dell'olio e le esportazioni nel mondo.

Gli eventi stanno accelerando e segnalando il verificarsi di un evento che non è nell'interesse della nazione libica contro la sua volontà, una realtà spaventosa combattuta tra la Libia tra i partiti in conflitto politicamente e militarmente, tra i poli politici in conflitto e tra i paesi della regione e paesi limitrofi alla Libia, tra cui la Tunisia e l'Egitto arabo.

Eni è da sempre il maggiore produttore straniero italiano, sebbene Total stia guadagnando forza, all'inizio dell'anno, la società ha acquisito una partecipazione del 16% nella concessione Waha nel bacino di Sirte, dimostrando rinnovata fiducia e riconoscimento delle opportunità offerte dal settore energetico.

Che la conferenza siciliana di Palermo sia stata un passo importante nella risoluzione del conflitto e ha spinto l'arrivo del maresciallo Khalifa Hafer a Rama per incontrare nuovamente il primo ministro Giuseppe Conti.

Oggi, le esigenze della qualità del lavoro sono il riconoscimento che l'Italia è lo stato indispensabile nel gioco internazionale e il processo di riconciliazione e convergenza di punti di vista tra le due parti nell'est e nell'ovest della Libia.

Sembra che oggi tutti gli stakeholder siano d'accordo sul fatto che le elezioni sono necessarie per dare il via al processo di unificazione del paese e termina la guerra, ma ci sono ancora differenze su come arrivare alla fine del tunnel buio e rimuovere la Libia dal crisi politiche ed economiche, stabilire un senso di sicurezza e spingere lo sviluppo economico per la ripresa della nazione libica.

Di Professor Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Scrittore ed analista politico ed economico libico