Le parti concordano che non sono d'accordo ... Le condizioni della capitale libica sono serie

Le parti concordano che non sono d'accordo ... Le condizioni della capitale libica sono serie

Sembra che il pubblico libico sia rimasto scioccato dopo lo scontro con le milizie libiche e la ricerca di accordi di sicurezza a Tripoli per congelare il movimento delle forze e l'accordo delle parti libiche per concordare che non sono d'accordo.

Questo è il caso del conflitto militare, che è raddoppiato ogni volta, così come la mancanza di monitoraggio e stabilizzazione del cessate il fuoco, che ha aumentato la debolezza dell'equazione internazionale per proteggere le capacità dello stato libico.

In che modo questo e l'annuncio della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia non sono riusciti a ottenere l'accordo tra le parti che partecipavano all'incontro della città libica di Zawia, per sviluppare un piano per il ritiro delle milizie da siti politici e installazioni vitali e la sostituzione delle forze regolari?

Ma la settima brigata di Tarhona conferma che non si ritira dalla capitale, che porta alle richieste del popolo libico, che subisce il flagello a causa del controllo delle milizie e che la settima brigata non se ne andrà fino alla dissoluzione di milizie nella capitale Tripoli.

Quel Tripoli oggi soffre di cattive condizioni in tutti gli aspetti sociali, economici e politici, in particolare le condizioni di sicurezza che minacciano la stabilità dello stato libico in generale e questo è il risultato della mancanza di comprensione delle parti in conflitto su ricchezza, potere e armi dopo la caduta del precedente regime.

Il meccanismo di come capire è bloccato e la separazione del conflitto è un processo sociale libico che lavora per controllare le questioni nella società libica prima e poi gradualmente tenta di dominare le istituzioni nazionali libiche dallo stato libico costituzionalmente stabile.

Le operazioni armate in Libia sono il risultato naturale dell'assenza di servizi di sicurezza, polizia e un esercito nazionale unificato sotto il nuovo sistema politico dopo la caduta del precedente regime e la discussione sulla situazione della sicurezza nella capitale libica.

Ciò significa che la Libia non ha un sistema politico stabile internazionalmente riconosciuto, ma la Libia ha istituzioni e istituzioni nazionali che operano ancora sotto le leggi e le amministrazioni dell'ex sistema politico giamahiriano, che soffrono della crisi di interruzioni di corrente, scarsa liquidità e controllo della la capitale libica dalle milizie armate.

Il discorso di shock e intimidazione nella capitale libica è dovuto all'assenza di un sistema politico stabile interessato ai futuri studi del moderno stato della Libia sullo sfondo dell'ex Jamahiriya che cadde dopo la rivoluzione del glorioso diciassettesimo febbraio.

Del nuovo sistema politico, una ricerca scientifica per fermare il pantano delle milizie armate dispiegate in tutta la Libia, compresa la necessità di raggiungere accordi con i partiti politici in conflitto sulla formulazione del nuovo sistema politico per rappresentare tutto il popolo libico senza eccezioni.

Il cessate il fuoco non avverrà fino a quando la situazione interna in Libia, specialmente nella capitale libica di Tripoli, sarà risolta attraverso la comprensione di come il potere e la condivisione della ricchezza siano divisi in un meccanismo di transizione graduale dal vecchio sistema politico al sistema politico concordato dallo spettro della società libica.

La lotta in Libia non è per conflitto, come molti sottolineano, ma il conflitto nella lotta della Libia dall'interno per il nuovo sistema politico che sta lavorando per riportare le milizie armate libiche nelle loro caserme militari in modo che lo stato libico riacquisti il ​​potere di affrontare le ambizioni esterne.

Il conflitto continua a favore o contro il nuovo sistema politico, ma la Libia non si piegherà alle richieste straniere, arabe, regionali e internazionali in modo che l'alleato della Libia sarà il nuovo sistema politico che include tutte le sette ei margini libici.

Di Professor Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Scrittore ed analista politico ed economico libico

Residente negli Stati Uniti d'America