Scontri tra le milizie attorno alla capitale libica .. Politiche sul togliere il vecchio vestito

Scontri tra le milizie attorno alla capitale libica .. Politiche sul togliere il vecchio vestito

I residenti di Tripoli, la capitale della Libia, hanno visto un violento groviglio tra gruppi armati che non hanno la responsabilità, provocando dozzine di morti e feriti e causato gravi danni materiali alle proprietà libiche.

una volta intensificando la violenza armata, in cui il presidente del Consiglio presidenziale, Fayez Al-Seraj, dichiara lo stato di emergenza nella capitale libica Tripoli.

È il significato che la Libia sta ancora

Gli scontri tra le milizie intorno alla capitale libica di Tripoli, una decisione è stata presa per proteggere i cittadini e la sicurezza, le strutture e le istituzioni libiche di vitale importanza.

La settima brigata a sud con violenti uccisioni lungo il percorso del nodo aeroportuale e il College of Police Officers e il centro di Salah al-Din a sud della capitale per sconfiggere gli elementi della milizia dall'area del Rabash e il perimetro del Asse dell'università di Abu-Ahala Abuusim.

Un comportamento serio nella vita delle persone da parte dei gruppi armati, un comportamento non significa in alcun modo che, come le ex milizie armate libiche, avrebbe dovuto essere rimosso il vecchio codice che il vecchio regime usava per proteggere lo stato libico.

Le operazioni armate non sono il mezzo preferito per esprimere protezione, idee ed emozioni libiche e raggiungere un accordo con i battaglioni di Tripoli per la formazione di forze congiunte per proteggere la capitale libica dalle ripercussioni del caos della sicurezza nella capitale libica.

L'azione giusta è smantellare le milizie armate libiche e andare a unire l'esercito libico con piena serietà nel consolidare la responsabilità e la missione di iniziare l'era dopo la rivoluzione popolare libica tra est e ovest e il sud della Libia.

L'arrivo e la continuazione del comandante della settima forza di brigata per lanciare un attacco nel quartiere di Abu Salim e lasciare alle milizie armate la capitale per ripristinare la sicurezza dalle forze di stanza lungo la strada che porta all'aeroporto.

Occupatevi di loro formando unità speciali, attraverso il lavoro dei Ministeri dell'Interno e della Difesa da parte del Governo di Accordo Nazionale.

L'atmosfera della capitale libica, Tripoli, è stata interpretata dai Battaglioni rivoluzionari di Tripoli, la speciale forza deterrente che riceve finanziamenti dall'UE, che ha svolto un ruolo di primo piano nel rifornire lo stato di estremismo, che ha reso la Libia la più netta e più instabile del Libico milizie.

Preoccupazioni per i cittadini libici in aree residenziali e per i profughi e i migranti intrappolati, esacerbati dalle politiche dell'UE verso la Libia, la Libia è diventata un paese non protetto nel bacino del Mediterraneo.

Il miliziano libico si è imbattuto in un fertile terreno terroristico che ha contribuito a imporre nuove caratteristiche: il totale isolamento dei paesi circostanti e stranieri, la richiesta di chiusura delle ambasciate a Tripoli e la partenza dei diplomatici a causa degli scontri tra gruppi armati locali.

Abbiamo fatto riferimento qui al divario tra l'esercito nazionale libico e le milizie armate libiche e la tendenza a scherzare sull'unificazione dell'esercito libico.

La riluttanza ha portato al fallimento dell'esercito nazionale libico e della polizia ufficiale libica a correre in Libia per la mediazione straniera associata al governo appoggiato dall'ONU.

L'accesso alle garanzie esterne che lavorano sulla necessità di raggiungere una soluzione radicale allo scioglimento di tutti i gruppi armati nel paese e assicurare la loro presenza nell'esercito e nella polizia libici è un lavoro per stabilizzare la situazione in Libia.

Questo accesso alle garanzie esterne lavora per creare una situazione nello stato libico per accedere ai rapporti tra le nazioni e al cessate il fuoco nella capitale libica Tripoli.

Dal professor Ramzi Mavrakis

Uomo d'affari - Scrittore ed analista politico ed economico libico

Residente negli Stati Uniti d'America