Calo delle scorte petrolifere globali ... Compensazione del calo delle fonti petrolifere libiche

Calo delle scorte petrolifere globali ... Compensazione del calo delle fonti petrolifere libiche

Nel cuore della capitale libica di Tripoli, la scena politica si sta trasformando in un conflitto petrolifero tra la Francia e l'Italia e l'accelerazione del processo delle elezioni presidenziali e parlamentari per raggiungere gli interessi stranieri in Libia.

Uno degli eventi promozionali più importanti è stato nelle prossime elezioni di quest'anno, che è probabile che sia rinviato al 2019 per molte ragioni, in particolare il conflitto a mezzaluna petrolifera, controllato di volta in volta da milizie armate.

L'industria petrolifera e del gas libica ha espresso soddisfazione per alcune delle dichiarazioni rilasciate dal Comando generale dell'esercito libico, il generale Ahmed Al-Mesmari nel periodo passato sul conflitto tra Francia e Italia, chiedendo che il conflitto sia fuori e lontano dalla Libia, misure adottate dall'esercito nazionale libico per aiutare tra tutti i paesi del mondo ad attirare investimenti in Libia.

Ma le opportunità di investimento in Libia non sono ancora state determinate con investitori stranieri di nazionalità diverse; chiediamo alle Nazioni Unite di chiedere l'unificazione delle istituzioni finanziarie e sovrane in Libia e l'accelerazione delle elezioni legislative e presidenziali libiche.

Le scorte di petrolio negli Stati Uniti sono scese più del previsto la scorsa settimana, il livello più basso dal 2015 con una battuta d'arresto nelle esportazioni e un calo nei centri di consegna nello stato dell'Oklahoma, secondo l'US Energy Information Administration.

Al contrario, gli Stati Uniti stanno lavorando per evitare conflitti tra Francia e Italia. Il segretario generale delle Nazioni Unite Stephanie Williams ha nominato diplomatico per gli affari arabi come vice rappresentante speciale della Libia Ghassan Salameh.

La mossa statunitense avrà un impatto globale sulla caduta di 6,1 milioni di barili di greggio, che non include le riserve strategiche di petrolio usate dagli Stati Uniti nelle emergenze; Le importazioni statunitensi di petrolio greggio aumenteranno con l'aumentare delle esportazioni.

Allo stesso tempo, l'amministrazione del presidente Trump ha attenuato le richieste di paesi come la Cina e l'India per tutte le importazioni di petrolio dall'Iran, ma un americano vuole ancora sostenere Teheran mentre gli Stati Uniti si preparano a ripristinare le sanzioni nel settore energetico.

L'Iran produce ancora circa 1 milione di barili di petrolio al giorno, equivalenti al 2% delle forniture globali, ma gli Stati Uniti vogliono ridurre in modo significativo la capacità di Teheran di vendere le sue risorse naturali e mangiare ulteriori forniture dall'Arabia Saudita, dalla Russia o altrove come la Libia .

L'Arabia Saudita ha promesso più produzione di petrolio per frenare i prezzi elevati, ma l'aumento dei prezzi è dovuto alle riserve petrolifere di Ras Tanura, la riserva petrolifera più promettente del paese, che non è stata sufficiente a compensare i cali in Iran, Libia e Venezuela.

Nonostante l'accordo della riunione di Vienna dei grandi produttori di petrolio, i quali concordarono che avrebbero frenato i prezzi elevati aumentando la produzione, i prezzi nei mercati mondiali continuarono a salire e le scorte globali stavano diminuendo.

Da parte sua, la Gran Bretagna sta lavorando per sostenere la National Oil Corporation (NOC) come organismo ufficiale responsabile nella gestione del settore petrolifero e del gas, che ha già iniziato la ristrutturazione e la riorganizzazione della National Oil Corporation.

Ma il problema principale in Libia non è la riorganizzazione della Libyan National Oil Corporation, ma nei combattimenti tra le varie fazioni armate libiche, la posizione della Libia nel Nord Africa attualmente non può che fornire 850 barili al giorno della maggior parte della sua produzione.

Mentre l'economia globale cresce e la domanda di energia continua a salire, la Libia può approfittare di prezzi che potrebbero superare i $ 100 al barile, a meno che la Libia non stia lavorando per portare nuovi investitori nei giacimenti di petrolio e gas della Libia, portando con sé alti livelli di stoccaggio in Libia serbatoi di petrolio

Sulla scena politica libica, la crescita a lungo termine della Libia nell'economia nazionale della Libia è in corso di revisione in base ai modelli di sviluppo basati sulle risorse naturali della Libia e alla domanda globale di petrolio e gas dopo il processo di copertura e compensazione del calo delle scorte globali.

Il conflitto è fondamentalmente radicato nelle infrastrutture petrolifere e del gas della Libia, attraverso lo sviluppo accelerato delle attività non petrolifere e sulla base della produzione di petrolio e gas in Libia, con la rimozione degli ostacoli strutturali della competitività internazionale nel pompaggio di petrolio e gas in l'economia globale.

Di Professor Ramzi Halim Mavrakis

Un uomo d'affari libico con sede negli Stati Uniti