Libia: quando i due assi convergono ... Gli sviluppi politici e la nuova scena politica nella fase t

Libia: quando i due assi convergono ... Gli sviluppi politici e la nuova scena politica nella fase transitoria della transizione

Non c'è modo di allontanarsi dalle formule di cambiamento nell'accordo politico libico senza tenere conto dell'adesione ai fondamenti dell'accordo marocchino Skhirat e di apportare tutti gli emendamenti necessari perché è una delle principali fonti di ingresso a un nuovo consenso politico libico che lavora sull'approccio consensuale di tutti i partiti politici libici.

I partiti politici in conflitto hanno il massimo interesse per la stabilità dello stato libico, con la presenza di oppositori di blocchi occidentali e est della Libia per lavorare al completamento della tabella di marcia, scritta da Macron a Parigi sotto gli auspici del presidente francese Emmanuele.

L'interesse di Libia a questa nuova scena politica, che prevede l'attivazione e l'unificazione delle istituzioni nazionali libiche e l'assunzione di elezioni costituzionali, non lascia gli oppositori dell'Est, a parte la leadership militare, considerata una pena di integrazione e un processo politico globale per raggiungere lo scopo della sicurezza interna e della stabilità della Libia nel tessuto sociale nazionale della Libia.

Un processo che ha una profonda visione sociale che lavora a una riconciliazione completa e integrata e discute i dettagli della nuova scena libica dopo il Quartetto, composto dalle Nazioni Unite, dall'Unione Africana, dall'Unione Europea e dalla Lega degli Stati arabi, ha lanciato un nuovo piano d'azione per la Libia.

Per quanto riguarda il comitato di redazione unificato del Consiglio di Stato e del Consiglio dei Rappresentanti per la modifica dell'accordo politico, esiste solo una via d'uscita in forma unificata tra i poli dell'Est e l'Occidente e una formula che ha raggiunto l'emendamento finale l'accordo di Skhirat e nuove intese tra di loro secondo il piano d'azione proposto dall'inviato speciale dell'ONU Ghassan Salama.

Il mondo intero ha accettato di portare la Libia fuori dal collo di bottiglia e dalle sue crisi successive e interconnesse, che a sua volta hanno impigliato molti paesi in una questione libica.

La questione della Libia è diventata una questione spinosa che non riguarda gli affari interni della Libia, poiché è diventata la principale preoccupazione dei paesi limitrofi che hanno ripetutamente cercato di smantellare la complessità della sicurezza che li ha colpiti sulla scia della primavera araba e la sicurezza del bacino del Mediterraneo.

Ancora più importante è il crescente deterioramento della situazione della sicurezza, economica e umanitaria in Libia, che sta lavorando per aumentare le forze terroristiche all'interno. Il Segretariato delle Nazioni Unite sta lavorando per mantenere la pressione sui poli politici libici e prendere decisioni decisive per rilanciare la situazione politica in Libia in Libia.

La sicurezza e le riunioni bilaterali economiche che Al-Seraj hanno impegnato con il capo dell'esercito nazionale di Libia Khalifa Hafter in Francia non sono sufficienti negli eventi di sicurezza.

Il caos in Libia continuerà a dissipare, a meno che non vengano collocate le buone parole di intesa sugli accordi tra le due parti condotti dall'impegno unitario delle parti in conflitto nell'Occidente e nell'Est del Libia.

L'indicatore politico conferma oggi l'esistenza di accordi preliminari tra i due assi negli sviluppi politici che operano sulla riconciliazione nazionale nella riunione di tutti i libici e l'attivista istituzionale, di sicurezza e militare nello stato libico.

Il cessate il fuoco e l'evasione di ricorrere a forze armate fuori dall'ambito del terrorismo all'interno dello stato libico sono possibili, nelle confessioni del potere del maresciallo Khalifa Haftar, che controlla la Libia con la forza delle armi e delle attrezzature militari .

Il Quartetto, composto da diverse organizzazioni internazionali, ha approvato il lavoro delle Nazioni Unite, che promuovono e sostengono, per mettere il piano d'azione sull'agenda principale nelle caratteristiche di un processo di proprietà libico e di leader inclusive e rappresentati da le Nazioni Unite.

Dal professor Ramzi Mavrakis