Il periodo di transizione non è ancora finito e l'Esercito Nazionale Libico prende in consegna

Il periodo di transizione non è ancora finito e l'Esercito Nazionale Libico prende in consegna

Permettetemi di mostrarvi di nuovo ciò che sta accadendo in Libia dai conflitti politici e militari di potere e influenza in assenza di pieni insediamenti politici libici molto tempo dopo la rivoluzione popolare libica. La ricerca seria e persistente dell'idea di uscire dalla spinosa crisi libica, che sta mettendo a dura prova i partiti politici libici per intensificare l'azione militare come fattore ausiliario per uscire dalla crisi libica in cui ci troviamo. Quando le forze militari libiche dell'esercito nazionale libico si trasferirono dalla regione orientale per liberare la capitale libica dalle milizie armate libiche, molti politici nei paesi europei videro l'azione politica in primo luogo verso un cessate il fuoco e l'arresto immediato della spirale di opposizione ai militari libici. Penso come ho pensato in passato che la soluzione alla crisi libica risieda nell'esistenza di un compromesso tra le parti in conflitto in Libia e questo è risolto dalla legittima costituzione dello stato libico per controllare le questioni libiche politiche e militari . La Libia oggi affronta gli uragani della politica occidentale, dai paesi del mondo europeo dall'inizio degli scontri nella capitale libica di Tripoli e le evacuazioni di cittadini e famiglie libici dalle aree e dalle scene di conflitto armato in cui combattono. Ma rivedere la crisi libica non dovrebbe essere soggetta a interferenze straniere in Libia dal paese limitrofo alla Libia o persino a paesi europei che hanno interessi politici ed economici strategici con lo stato libico. La Libia deve inoltre preservare l'integrità territoriale della Libia tra Oriente e Occidente e preservare la città libica di Tripoli dai conflitti militari armati delle forze est e ovest combattendo tra loro. La regione militare centrale ha ordinato un'ispezione delle forze armate di Al-Wefaq in prima linea nei combattimenti nelle vicinanze della capitale libica Tripoli. Ciò indica un rischio significativo di crisi umanitaria che deve essere evitato. La regione orientale libica sotto la supervisione del comando militare delle forze armate della Giamahiria araba non fermerà l'azione militare fino a quando non sarà rimossa dalle milizie armate di stanza nella capitale libica di Tripoli, rifornita di denaro e logistica aziendale e la liberalizzazione della regione occidentale sta lavorando per proteggere i confini terrestri, marittimi e aerei delle forze terroristiche. Il periodo di transizione non è ancora terminato perché vi sono interessi geopolitici che giustificano la tendenza all'azione militare in Libia tra le regioni orientali e occidentali, specialmente nella capitale libica, che è il centro delle transazioni politiche, finanziarie ed economiche che non hanno lasciato alcuna ripresa economica o economica dopo la caduta del precedente regime.

Questo è il motivo per cui ci stiamo dirigendo verso analisi politiche, militari e di sicurezza al fine di colmare il pericolo delle guerre civili libiche, che sono inevitabili solo con il ripristino delle istituzioni libiche pienamente consolidato nelle elezioni presidenziali e parlamentari sotto gli auspici del Libico Costituzione.

Pertanto, non possiamo parlare di evitare la guerra civile libica senza avere le speranze sperate che enfatizzino l'importanza della vita costituzionale e la nostra comprensione della tentazione di organizzare elezioni parlamentari e presidenziali oneste che ripristinino la stabilità dello stato libico.

Quindi, alla rivoluzione popolare libica è stato dato il diritto di tornare alla scala sociale ed evitare le liti militari delle due parti e tenere il passo con il mondo arabo per uscire dal ciclo di violenza, uccisione, esclusione e sfollamento. Un buon esempio di ciò è la scena araba in Algeria e in Sudan.

Non possiamo ignorare ciò che sta accadendo oggi in Algeria e in Sudan, i due paesi che stanno cercando di dimostrare le forze armate in sicurezza, stabilità e pace ed evitare l'azione militare di fronte ai loro popoli arabi, ma di ascoltare le richieste di la gente per cambiare e modernizzare la pista politica.

La Libia ha atteggiamenti positivi nel realizzare il cambiamento e nel ristabilire la stabilità nel paese dopo la rivoluzione popolare libica ed entrare nella fase di stabilità politica, economica e sociale e non alzare le armi l'una contro l'altra in un processo consensuale di costituzione di uno stato di diritto, giustizia, e istituzioni costituzionali.

L'eliminazione della diffusione dello spettro del terrorismo in Libia è fatta solo dall'unità della classe nazionale libica contro l'intervento esterno al territorio libico, che è diventato un focolaio di mercenari al di fuori della legge libica e della legittimità internazionale, il fenomeno del terrorismo subito dal mondo arabo.

Lavorare sul consenso tra i partiti politici in conflitto tra le forze dell'Occidente e dell'Occidente dovrebbe essere al centro della scena politica interna fino alla fine del caos in Libia e affrontare questa nuova realtà nel progresso delle forze armate libiche dal da est a Tripoli, la capitale libica aumenta l'instabilità nel paese.

Forse se ci fosse un comandante o un altro generale in Libia invece di Khalifa Haftar, la Libia ha fallito nella sua guerra per aumentare il terrorismo sul suolo libico perché il generale Khalifa Haftar non ha un'azione politica sistematica, ma ha un metodo di azione militare, ovviamente, nelle forze armate libiche forze.

La ricerca del miraggio nella mancanza di condivisione del potere tra i partiti politici e militari armati, una forza nell'est e una forza nell'Occidente, stanno minando il potere politico processo e il cerchio chiuso che circondava il popolo libico fino ad oggi, portando a ulteriori conflitti armati.

Importanti implicazioni politiche nella regione occidentale, lavorando su una possibile intesa politica con altri attori nell'est della Libia e collegando il processo al forum nazionale sponsorizzato dalle Nazioni Unite per porre fine al caos in Libia e al concetto della nostra attuale crisi internazionale.

Le forze militari italiane sono ancora presenti a Misurata, che non sono state evacuate per servire gli interessi italiani nell'ovest del paese. Sono forze egualmente protette che monitorano attentamente la natura delle circostanze in cui la Libia sta passando attraverso eventi successivi e simultanei dell'Esercito Nazionale Libico guidati dal Generale Khalifa Hafter.

Ma come possiamo affrontare queste difficili circostanze che attraversano la Libia dallo stadio del caos e della debolezza e della dispersione verso nuovi dati che lavorano sull'unità del paese di separazione e separazione gli uni dagli altri e rispettano la volontà del popolo libico? , un fatto oggettivo nella debolezza politica libica?

Un po 'di obiettività tra i paesi vicini alla Libia, che può fare all'interazione militare tra Oriente e Arabi con tutti i principali effetti sulla scena politica libica, così da non ignorare l'eredità dell'ex sistema politico libico, che ha ha creato armi sparse per il paese in grandi quantità.

Il lavoro sulla maturità politica sta lavorando per unire le istituzioni sovrane libiche nel processo di consenso nazionale libico e l'istituzione dello stato civile libico con la legge e la costituzione libiche, che è l'unica via per la miserabile realtà oggi testimoniata dalla Libia.

Scrittore: Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Analista politico ed economico libico.

Residente negli Stati Uniti d'America