Il percorso per sostenere la stabilità della Libia ... Raggiunto dal vertice arabo europeo

Il percorso per sostenere la stabilità della Libia ... Raggiunto dal vertice arabo europeo

Quando parliamo dell'idea di cambiamento in Libia vediamo segnali di sostegno al cambiamento e alla stabilità al primo summit di Sharm el-Sheikh in Egitto, ma il cambiamento non sarà un vero cambiamento perché il cambiamento per definizione semplice è la risposta di i partiti politici libici per i fattori che influenzano qualcosa per portare a cambiare e passare dalla situazione attuale a più progresso e sviluppo.

Il trasferimento della Libia dall'instabilità allo sviluppo previsto nell'attuale scena politica a più avanzato e sviluppato e, naturalmente, la realtà della vita della società libica è sempre più tesa, il che richiede una revisione periodica dei fattori geopolitici che influenzano la ricchezza della Libia.

Molti dei poteri regionali cercano nelle loro politiche di sfruttare queste caratteristiche di proprietà della Libia e cercano di metterli secondo una prospettiva futura al servizio del geopolitico dello stallo politico che lotta per il potere, l'influenza e il denaro sulla scena politica in Libia.

Oggi assistiamo nuovamente al conflitto strategico geopolitico che sta scommettendo sulle vittime delle divisioni in Libia e sulle restanti istituzioni statali libiche tra la Libia orientale e occidentale. Ma i militari e il dominio della regione orientale sono ancora concentrati sulla lotta e la difesa della Libia e sulla protezione dei suoi confini dalle forze terroristiche.

Quando parliamo di cambiamento e ripristino della stabilità in Libia, non dovremmo seguire lo schema prevalente nella regione araba, ma seguiamo ciò che funziona nella società libica nel complesso, e abbiamo bisogno di una revisione con noi stessi e abbiamo trasferito la situazione attuale allo sviluppo e alla modernizzazione in sé per vedere un salto di qualità nel cammino della riconciliazione e della riconciliazione interna.

I paesi arabi e i paesi europei al loro primo summit rilasciano dal suolo e la base della cooperazione in diversi settori, compresi il commercio e gli investimenti, l'organizzazione dell'immigrazione clandestina, la sicurezza e il cambiamento climatico, insieme con i problemi della regione araba nel risolvere il problema palestinese questione e promesse di stabilità di altri paesi arabi come la Siria, lo Yemen e la Libia.

Ma quando si incontra a Sharm el-Sheikh, l'Unione europea e la Lega degli Stati arabi a livello di re e capi di stato e di governo, che costituiscono circa il 12% della popolazione mondiale, sappiamo che il vertice è di primaria importanza importanza nel bacino del Mediterraneo.

In questo contesto, ricordiamo la preferenza per il percorso della Libia per sostenere il ripristino della stabilità, dello sviluppo e della modernizzazione in modo che la Libia non sia a scapito degli slogan sollevati al vertice arabo-europeo. "Stiamo investendo nell'instabilità", uno slogan usato da alcuni paesi per ottenere risultati concreti sul campo.

L'incontro è stato presieduto dal presidente egiziano Abdel Fattah Sisi, Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo e Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea sull'Unione europea, che è una fonte di interesse per libici, siriani, yemeniti e palestinesi problemi.

Ma a volte lo vediamo negli slogan cantati dalla retorica, dalla realizzazione, dai piani e dalla fiducia nella vacuità del logo del suo contenuto per molte ragioni, incluso il conflitto geostrategico nella regione, che ruota attorno a conflitti e combattimenti.

La lotta contro l'immigrazione clandestina dall'Africa all'Europa, che non è auspicabile dall'Unione europea, ha dovuto essere regolata dalle leggi e dalla terza; sta lavorando per aumentare la crisi economica in Europa secondo il Consiglio europeo.

Investimento in Africa, il ruolo che stabilizza il continente e lavora per rafforzare la sua lotta contro l'immigrazione clandestina, le reti di sfollati, i mercati degli schiavi e il commercio degli schiavi, che è stato ripetuto in richieste di liberazione, migliori condizioni di schiavitù, severe leggi internazionali, e come proteggere e sostenere i migranti Dal raid africano ai paesi del mondo.

Per quanto riguarda il fascicolo sui diritti umani, esso è incluso nella prospettiva della tolleranza culturale e religiosa e sostiene gli sforzi globali per affrontare il problema dei problemi esistenti oggi nei paesi arabi, una questione molto importante per la quale le rivoluzioni arabe sono state istituite nel Chiamata primavera araba.

La lotta contro il terrorismo, l'estremismo e l'estremismo non dovrebbe essere impedita solo a colpire i terroristi stranieri e a riempire le loro fonti di finanziamento, ma dovrebbe essere considerata dal punto di vista dei diritti umani e delle libertà personali, politiche, religiose e ideologiche.

Il buon trattamento del problema è la causa principale del movimento del terrorismo da un paese all'altro. Si trova l'incubatrice dello stesso modo di pensare che impiega le persone a lavorare per atti terroristici che esistono ancora nel loro senso tradizionale, ma a un livello diverso tra organizzazioni terroristiche.

Le sfide sulla scena politica libica dipendono dalla piena cooperazione con i paesi vicini perché sono visioni condivise tra tutte le parti, lo scambio di esperienze e l'approfondimento dei partner arabi ed europei nel campo dei diritti umani, della democrazia, delle libertà personali e ideologiche, e ideologia ideologica.

Cioè, è imperativo che il cambiamento e la stabilità garantiscano a tutti la libertà, nell'ambito del diritto nazionale e internazionale, indipendentemente da quanti abbiano cercato di rallentarlo, perché il piacere della vita umana continua nel rapido e rapido sviluppo delle odierne mondo per rendere il mondo diviso in più geografie in un unico mondo integrato nelle visioni e aspirazioni umane.

Ciò significa impegnarsi ad escludere i partiti effettivi e fare affidamento sulle leggi internazionali e nazionali per le sfide globali che il mondo intero deve affrontare e la direzione verso piani di sviluppo economico sostenibile per vedere il futuro ed eliminare crisi economiche, politiche e sociali.

Il processo di cambiamento è un processo continuo, non un evento opportunistico. Si basa sulla pianificazione anticipata attraverso le istituzioni statali libiche per darci un quadro chiaro sotto le pressioni e le circostanze circostanti e gli ampi cambiamenti nel mondo arabo e nei paesi del mondo.

La cooperazione positiva deve essere nelle vicinanze di riviste commerciali ed energetiche, tra cui la scienza, la ricerca, la tecnologia moderna, il turismo, la pesca, l'agricoltura, l'energia solare e l'energia pulita, che sono disponibili in grandi quantità in Libia.

Un cambiamento vorrebbe includere aree di reciproco vantaggio per tutte le parti, che creeranno ricchezza, aumenteranno i tassi di crescita economica in Libia, i tassi di crescita e ridurranno la disoccupazione, il che porterà molti problemi umanitari, incluso il terrorismo e l'estremismo alla società libica.

Il cambiamento in Libia piace includere tutte le componenti di una particolare cosa o fenomeno. Abbiamo molti cambiamenti politici, economici e sociali che cambiano nel piano e il processo dietro il cambiamento è che è uno strumento proattivo per il meglio nel mondo dei cambiamenti politici, economici e sociali.

La Libia non è isolata dal mondo e dai paesi confinanti fino a quando non chiediamo il nuovo assetto dell'insediamento delle Nazioni Unite e la missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia nel tentativo di trovare soluzioni per il riavvicinamento tra i partiti libici e il ripristino di La transizione della Libia dal caos alla stabilità politica in Libia.

Scrittore:

Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Analista politico ed economico libico

Residente negli Stati Uniti d'America