Lo stato petrolifero della Libia porta ad annegare nelle crisi economiche

Lo stato petrolifero della Libia porta ad annegare nelle crisi economiche

La Libia ha le più grandi riserve di petrolio al mondo; dipende principalmente dalle entrate derivanti da quelle riserve petrolifere che possiede nella gestione delle sue varie attività economiche,

I programmi economici per lo sviluppo e i mezzi di produzione forniscono assistenza nella ricostruzione dello stato libico e nello sviluppo di infrastrutture e urbanistica, agricoltura e allevamento.

La Libia deve cercare un aumento della produzione nel bisogno di più consumatori e diversi in patria ed esportare il surplus di produzione interna all'estero.

Ma i programmi economici odierni concordati dal Consiglio presidenziale e dalla Banca centrale della Libia nell'affrontare il tasso di cambio e l'imposizione di tasse sulle vendite in valuta estera di valuta forte, la moneta forte posseduta dalla Libia con le sue entrate petrolifere non sono dalle riforme economiche, ma questo fatto non è altro che manovre economiche.

Ho menzionato in molti articoli pubblicati negli anni precedenti l'importanza del settore privato nella partecipazione per l'uso di forze aggiuntive con lo stato libico nel lavoro per la produzione necessario ai consumatori, soprattutto dopo aver scoperto che la Libia ha riserve di petrolio e non-petrolio risolve nella conoscenza del modo di sciogliersi e utilizzare queste risorse nell'economia nazionale libica.

Le distorsioni economiche che possono essere sanate nell'economia non sono imposte sulle vendite di valuta estera per le spese commerciali e personali, ma nella creazione di mercati liberi che forniscono l'accumulo di produzione eccedentaria, che lavora per frenare l'aumento dei prezzi nei mercati libici .

Lo stato libico è ancora in costante conflitto tra il dinaro e le valute straniere nei mercati paralleli, è un tentativo di correggere la distorsione economica sperimentata dalla Libia negli ultimi anni.

La Libia sta ancora assistendo oggi alla mancanza di liquidità e ai prezzi elevati nel mercato privato, portando ad un maggiore controllo e pressione dello stato libico sull'economia nazionale libica.

Con la crescente frequenza del dibattito negli ambienti libici e la caduta del dinaro libico nei mercati paralleli libici, i mercati neri nella cosiddetta strada libica.

L'accordo sul mercato parallelo con i tassi di cambio al di fuori del sistema economico ufficiale dello stato libico aiuta a riciclare denaro che è diventato lo scopo principale della Libia della questione con l'Unione europea a tale riguardo.

Il declino nella produzione petrolifera libica è in realtà una forma di sanzioni pagate dall'economia nazionale libica, in cui la Libia dipende da esso per il generale rinascimento economico, per rivedere il perseguimento dei problemi libici, l'espansione delle differenze politiche interne, l'aumento in ripercussioni della corruzione sulle finanze pubbliche tra politica fisica e politica monetaria.

Poiché lo scambio tra il settore privato e quello governativo è un buon modo per considerare il valore fondamentale del percorso di un ampio rinascimento economico, lo stato libico deve trovare programmi di riforme economiche reali piuttosto che manovre economiche che lavorano sul cambiamento qualitativo da un'economia pianificata a un'economia libera basata sul sistema del libero mercato, basata su transazioni commerciali, industriali e di bestiame.

Troviamo di volta in volta l'interazione dei mercati paralleli libici con le dichiarazioni prodotte dal Governatore della Banca Centrale della Libia, non assegnando i loro capi alle famiglie libiche.

Affermando che la corruzione proviene dal sistema del numero di identità nazionale, le accuse sono state negate dal sistema dell'ufficio di registrazione delle nascite libiche e una formazione di un comitato per verificare che tutti i dati per la cittadinanza fossero in corso per contribuire a preservare la minaccia alla sicurezza nazionale della Libia.

L'aumento del dollaro nei confronti del dinaro libico ha comportato un aumento di 4,48 USD in una differenza di 90 valute dirham della Libia, così come altre valute estere, compreso il tasso di cambio di 5,04 LYD per l'euro uno, 5,5 LID a GBT del Differenza di 150 libbre Dirham.

Mentre la Libia ha una vasta ricchezza di beni finanziari congelati all'estero, la corruzione finanziaria e amministrativa, comprese le manovre economiche, non le riforme economiche, aumenta la disoccupazione e il fallimento dei governi libici per liberare l'Est, l'Ovest e il Sud dalla povertà, dalla miseria e dai senzatetto Paese.

Le politiche interne della Libia riflettono l'assenza di un mercato economico moderno e di politiche stabili che certamente lavorano sul progresso finanziario, industriale e commerciale e dalla nozione di proprietà pubblica alla proprietà privata.

Inoltre, lo stato libico deve riformare l'economia nazionale libica sotto forma di prestiti bancari che riducono il conflitto tra coloro che possiedono e quelli che non lo fanno, così da non aumentare il divario tra poveri e ricchi in Libia.

Oggi, la Libia è sotto pressione economica e politica in un momento in cui le sue riserve di valuta in eccesso stanno tornando come manovre economiche, che includono l'imposizione di tasse sulle vendite in valuta estera per coprire le spese del bilancio generale e la domanda della Camera dei rappresentanti ad Al-Baidah per coprire le spese delle prossime elezioni presidenziali e legislative.

La recessione economica ha dominato l'economia nazionale ei livelli di inflazione hanno raggiunto livelli senza precedenti anche durante il vecchio regime della Libia, caratterizzato da un sistema socialista formalizzato che ha creato un ulteriore incentivo per la disoccupazione mascherata nell'economia nazionale libica.

Il declino dell'economia dello stato libico non è dovuto alla resistenza del settore privato, che ha le competenze e le competenze per qualificarsi per il lavoro e il contributo della ricostruzione dello stato libico e lo sviluppo delle infrastrutture e dell'urbanizzazione, ma il basso livello di governo ha contribuito all'economia dello stato nazionale libico, che è il principale fattore del rallentamento.

Rileviamo ancora una volta la continuazione dell'approccio di manovra economica della Banca centrale della Libia con il governo della riconciliazione nazionale con l'assenza di riforme economiche globali.

I pacchetti economici totali di investimenti interni ed esterni aiutano a cercare il naufragio della Libia in più crisi economiche, una fuga reale bloccando i fondi libici che si spostano all'estero nelle economie straniere.

Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Analista politico ed economico libico

Residente negli Stati Uniti d'America