Libia: la storia dell'occupazione, dell'indipendenza e della stabilità politica

Libia: la storia dell'occupazione, dell'indipendenza e della stabilità politica

Parliamo sempre della storia della Libia; è una storia di occupazione, indipendenza e stabilità politica, per poter identificare i rapporti della Libia con l'Italia.

È l'occupazione della Libia nel 1911 che parte senza la cooperazione e il partenariato e lo spirito di giustizia e uguaglianza nella lotta della Libia.

L'indipendenza della Libia con la cooperazione del Regno Unito di Libia sotto la guida di Idris Senousi e una scelta della costituzione in tre stati di Baraka (Cirenaica), Tripoli (Tripolitania) e Fezzan.

La Libia come stato costituzionale, un proclama per l'indipendenza della Libia è stata emessa dall'Assemblea Generale della risoluzione delle Nazioni Unite n. 4/289 nel novembre 1949.

Il 24 dicembre 1951, la proclamazione dell'indipendente fu la nascita della Libia e fu il risultato della colonizzazione italiana.

La Libia è stata confrontata con atteggiamenti e acquisizioni egoistiche e individuata dalla colonizzazione all'indipendenza alla stabilità politica tra le tre regioni libiche.

Il rapporto tra Libia e Italia è definito dalla sua occupazione del 1911; gli eventi evolvono poi per essere intrecciati con i recenti accordi sulla migrazione illegale dalla Libia all'Italia.

Le violazioni subite dai migranti durante il loro soggiorno in Libia sono una storia incompleta nella sua dimensione politica, economica e sociale.

L'origine è l'egoismo e la brama di esclusività nella questione libica dagli aspetti politici e militari mentre la Libia emerge dall'instabilità politica della Libia che i padri fondatori dello stato indipendente hanno combattuto a lungo.

Il partenariato nell'azione politica ha una storia storica e la più importante delle quali è la legittimità costituzionale che non esiste fino a che il riconoscimento dell'indipendenza della Libia non sia chiarito, che è scritto nelle pagine della lotta storica della Libia in modo che la Libia sia uno stato costituzionale legittimo.

La storia della Libia passa da disastri umanitari, e non importa quanto questi disastri siano emersi sulla superficie della Libia, ci sono immagini della mancanza di partecipazione a un nuovo sistema politico e alle elezioni presidenziali e parlamentari.

Ma la storia sta tornando indietro quando consideriamo l'occupazione italiana della Libia e coloro che hanno spostato la Libia dalla colonizzazione all'indipendenza alla stabilità nel Regno Unito di Libia, un periodo che ha segnato la maggior parte delle regioni libiche con una sorta di stabilità politica.

La marcia della partecipazione al processo politico oggi, i partiti politici libici e i poli in conflitto stanno producendo forme diverse, una leadership che non è propensa a stabilizzare nuovamente la Libia.

Non siamo qui per riconnetterci con il passato con la memoria libica, che è stata contrassegnata dai cambiamenti politici libici da una monarchia a un repubblicano alla Jamahiriya lo "stato di massa", ma piuttosto stiamo parlando di combattere il disastro politico che il stato della Libia si sta confrontando.

I partiti politici in conflitto devono portare alla diversità, non alla dissonanza nella memoria della nazione libica, la Libia non è frammentata. Stato e non sa che la violenza, lo sfollamento e la risoluzione delle difficoltà in questo paese sono stati afflitti da disastri umani negli ultimi anni.

La Libia aveva guadagnato molto grazie alla sua indipendenza dalle Nazioni Unite e per recuperare gran parte della sua libertà attraverso la sua indipendenza. Pertanto, abbiamo dovuto ristabilire le relazioni tra la Libia e l'Italia sulla base dell'acquisizione della conoscenza della colonizzazione italiana in Libia e dei danni causati dal martirio di Omar al-Mukhtar.

Quindi la resistenza continuò fino almeno al 1931. Ci vollero diversi anni, come si disse all'epoca, per "pacificare la Libia" e usare mezzi come campi di concentramento per popolazioni e armi nomadi e semi-nomadi contro la popolazione civile.

La colonizzazione italiana della demografia era nella storia dei coloni che mandarono i pezzi di terra libica, il simbolo della colonizzazione italiana all'epoca, e lasciarono molti italiani nell'anno 1970 quando furono espulsi dalla Libia.

Ma gli argomenti usati dal precedente regime erano argomenti in un modo che non era utile per l'assenza di un contesto sociale, politico ed economico che assicurasse che il conflitto coloniale non si ripetesse di nuovo sul territorio libico, anche se fosse un coloniale indiretto ambizione.

L'enfasi è sull'impatto economico del petrolio, che determina la posizione strategica della Libia con il gioco geopolitico, che ci insegna che le aspirazioni sono in linea con gli interessi storici e le relazioni tra Italia e Libia, e il modo in cui la Libia opera alla luce del partnership tra le parti libiche e italiane.

Il nostro impegno per l'indipendenza della Libia e la legittimità costituzionale e lo scioglimento del conflitto tra i poli politici in conflitto e l'unificazione delle istituzioni sovrane in Libia stanno lavorando per ristabilire lo stato unitario, guidato dal dispotismo individuale nella governance e La sovranità nazionale del popolo libico.

Di Professor Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Scrittore ed analista politico ed economico libico