Libia: la comunità internazionale apre la strada al fallimento del governo di riconciliazione nazion

Libia: la comunità internazionale apre la strada al fallimento del governo di riconciliazione nazionale

La capitale libica vive nell'atmosfera di tensione politica e di sicurezza, che perde il ruolo del governo, il controllo del capitale sulla regione occidentale nello stato libico.

Le forze della settima brigata "Kaniat Tarhuna" con le forze congiunte inclusa la sicurezza centrale Abuusim e il battaglione dei ribelli di Tripoli e la speciale forza deterrente.

Gli scontri sono iniziati contro la prova degli islamisti che sfidano il governo della riconciliazione nazionale e dei gruppi jihadisti che diffondono il terrore nei quartieri residenziali della capitale libica di Tripoli.

Sono interessi cruciali come il controllo del flusso della Libia e la sicurezza energetica,

Altri segnali dalla parte straniera alla situazione pericolosa in Libia e la portata dei partiti politici continuano a distruggere il paese ea non tornare all'unità nazionale del totale, oltre a ferire almeno 140 persone dal bilancio dell'escalation di la guerra civile.

Le milizie ribelli hanno visto il governo di Fayez al-Sarraj, inclusa la settima Brigata di Tarhuna, tentare di raggiungere Tripoli, la capitale libica, e rompere la fragile tregua seguita alla conferenza di Parigi dello scorso maggio su un piano per risolvere la crisi libica.

Le operazioni armate nella capitale libica sono considerate una nuova escalation di violenza tra le fazioni in lotta per il potere e la rivoluzione nel paese.

La cessazione di questa escalation non riguarda le dimensioni dei combattenti islamici dalla scena politica in Libia e la loro garanzia nell'arena politica e un partito importante nell'equazione politica libica.

Ma ci sono gruppi che includono alcune persone che hanno combattuto fuori dalla Libia e poi sono tornati a combattere a casa, persone che hanno legami importanti con organizzazioni internazionali, compresa l'organizzazione dello Stato Islamico, sfruttando la debolezza dello stato libico diviso in Occidente e Oriente .

In assenza di una diplomazia libica efficace verso l'unificazione del paese e l'unificazione delle istituzioni finanziarie e politiche della Libia, si può dire che la comunità internazionale ha ridotto la statura politica in Libia e che la comunità internazionale si sta preparando per il fallimento del Governo di riconciliazione nazionale sostenuto dall'ONU.

Lo stato libico monopolizza il potere attraverso i suoi governi legittimi, che derivano la sua legittimità dalla costituzione giuridica libica e non solo da accordi di parte da qua e là.

Fino a quando la Libia non tornerà alla sua legittimità costituzionale, i politici libici devono unire i ranghi della lotta libica per la Libia.

Il governo riconosciuto a livello internazionale non è legittimo a meno che non sia legittimamente riconosciuto dalla Camera dei Rappresentanti a Tobruk e la ragione del suo non riconoscimento, la sua paura dei gruppi armati islamici nella regione mentre cerca di dirigere il paese da lì nella capitale libica .

Ci sono grandi aspettative per il lavoro che sarebbe in grado di sostenere la Missione delle Nazioni Unite in Libia e annunciare un incontro con tutte le milizie armate libiche guidate dalla cancellazione degli scontri per facilitare un dialogo urgente sulla situazione della sicurezza in Libia.

Il fallimento della comunità internazionale non è cercare di includere l'influenza delle milizie libiche nelle aree del lavoro dell'esercito armato libico, e questo lavoro pericoloso, che non li disarma, ma per consentire la loro presenza armata in Libia aree relative alla sicurezza della madrepatria libica in generale.

Uno scenario non ha altri scenari di potenziamento dei gruppi armati libici nell'esercito nazionale libico ufficiale e unificato tra le due sponde del paese, che è in prima linea nello stato libico unificato tra le sue tre province a est, ovest e sud della Libia.

Questo non è un problema nell'arena libica, dobbiamo vedere la Libia come uno stato costituzionale unitario con una sovranità nazionale e un governo legittimo derivato dalla costituzione permanente libica, ma gli interessi vitali del paese stanno guidando le ambizioni esterne all'instabilità della situazione politica.

Di Professor Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Scrittore ed analista politico ed economico libico

Residente negli Stati Uniti d'America