La Libia ha il potere di attirare ... una vera tragedia a causa delle differenze italo-francesi

La Libia ha il potere di attirare ... una vera tragedia a causa delle differenze italo-francesi

Possiamo dire che l'Italia ha un passato storico antico; L'Italia ha lavorato sul dossier libico perché è un'attrazione italiana.

Stiamo osservando e ascoltando quelli che vengono chiamati disaccordi franco-italiani, è solo la distribuzione dei ruoli a sfruttare le risorse naturali in eccesso della Libia.

Le differenze italo-francesi sul dossier libico sono state superate dal fatto che la Libia è nel mezzo di questo e quello sulla linea tenuta dal presidente francese Emmanuel Macaron ostinatamente e lontano dalla questione libica a vantaggio di uno dei conflitti partiti, l'iniziativa diplomatica tra Francia e Italia.

La Libia e il conflitto geopolitico sono pieni di contraddizioni e forse la raccolta di frutti economici, Francia e Italia rischiano di affermarsi come intermediari nella transizione della Libia dall'instabilità e dal caos a più crisi sette anni dopo la caduta di Muammar Gheddafi.

L'Italia è di nuovo sulla scena libica con un incontro organizzato da Roma, simile a quello che è avvenuto in una conferenza di Parigi con la partecipazione dei 3 + 3 paesi della Libia, svoltasi presso la sede del Ministero degli Esteri a Roma, spingendo la diplomazia francese ad organizzare presidenziali e elezioni parlamentari.

Il pericolo che affligge la Libia risiede nel vuoto delle forze politiche libiche unite verso gli archivi libici in attesa, per consolidare il concetto dello stato libico unificato, e trovarsi in uno stato diviso in due, dove le bande criminali sono coinvolte in scambi proficui il contrabbando di persone e il loro traffico in Europa E dall'altra il controllo dei pozzi petroliferi libici.

L'unità delle forze politiche libiche è il risultato del controllo del generale comandante Marshal Khalifah Haftar sulla provincia orientale senza alcun ostacolo, ma in pieno sostegno della regione orientale, d'altra parte, Fayez Al-Sarraj, il primo ministro della nazionale Il governo della riconciliazione è una figura sostenuta dalle Nazioni Unite.

Il presidente francese Emmanuel Macaron, durante la conferenza, cerca di registrare un'impronta francese sulla questione libica per porre fine alla situazione di stallo impostando una tabella di marcia e unendo la divisione politica in Libia.

Ma non si dimentica che l'Italia ha il potere di attrazione per la sua vicinanza alla costa libica e l'influenza storica del suo passato coloniale, così come il dilemma dell'immigrazione clandestina che incide pesantemente sulla sua economia.

Ogni attività politica può essere espressa da paesi che sono impegnati in battaglie politiche con un gruppo di prodotti in un modo che serve i loro interessi nazionali; La Libia ha anche le sue attività di politica estera e le arti per unire la questione libica.

La Libia conta sui suoi rapporti con l'Italia, in particolare nel dossier sull'immigrazione clandestina, che lavora sul riavvicinamento tra i due paesi vicini, non solo gli immigrati ma il valore dello scambio tra loro 4 miliardi con una serie di iniziative diplomatiche unilaterali.

Qualsiasi iniziativa che ci adatti alle soluzioni che proponiamo alla conferenza di Parigi e alle soluzioni che dovrebbero essere presentate in Italia a una conferenza internazionale in autunno e alla presenza degli Stati Uniti d'America, che conferisce alle autorità italiane un ruolo giocare con il ruolo francese come base diplomatica per l'uscita della Libia dalla crisi politica.

Qualsiasi sostegno che la Libia ottiene dallo stato attivo nella regione, sia dalla Francia che dall'Italia, si basa sulle disposizioni della formula legittima dello stato libico, che assicura che la Libia sia un paese stabile e sicuro che può essere aggiunto alla equilibrio.

Ma il piano di Macron era in gran parte basato su regole non solide; sta subendo un'improvvisa paralisi alla Conferenza Internazionale di Roma perché non esiste alcuna costituzione libica sul terreno, per proteggere tutte le varie fazioni libiche che hanno una grande influenza nello stato libico.

Macron ha presentato con orgoglio un documento in 13 punti progettato per innescare l'ottimismo sul futuro della Libia, comprese le elezioni presidenziali e parlamentari a fine anno, ma l'Italia non vede alcuna fretta nelle prossime elezioni fino a quando quelle fazioni libiche rivali non saranno d'accordo sul potere libico.

La costituzione libica (ancora in fase di attuazione) delle elezioni presidenziali e parlamentari è dovuta all'approvazione della legittima costituzione nello stato libico e alla formazione dell'esercito nazionale libico dopo il disarmo di oltre 100 milizie armate libiche, un'opera che non ha venire alla luce negli ultimi sette anni.

L'Italia è delusa dalla presenza di un presidente americano, Donald Trump, che non è interessato al Nord Africa, specialmente in Libia, e il presidente Macaron è determinato ad espandere l'influenza francese sulla Libia, dove i depositi del Golfo di Sirte rappresentano la buona qualità del greggio e una chiusura geografica da esplorare.

Il totale francese ha acquistato il 16% del giacimento americano Marathon a Barka per $ 450 milioni, l'accordo non è considerato valido dal governo di Tripoli.

Ciò è stato confermato in un incontro tenutosi a Tripoli tra l'amministratore delegato di Eni, Claudio Disaltsi, e il primo ministro libico Faiz Al-Sarraj, che si stanno concentrando sulle attività correnti in Libia e sulle opportunità di esplorazione e le forme future.

A volte sotto nomi e maschere diverse, per tornare e apparire sulla Libia quando le ambizioni straniere della Libia nel vuoto politico unito tra l'Est e l'Ovest della Libia, che soffoca la Libia economicamente a causa di conflitti politici sotto il peso dell'assenza della Libia Quadro costituzionale libico per la stabilità politica in Libia.

Incontri e colloqui al di fuori della legittimità costituzionale volti al fallimento dei partiti politici a raggiungere soluzioni radicali, che sostengono un'ulteriore instabilità e collegano i territori libici tra loro in uno stato costituzionale unificato.

Anche dopo l'accordo raggiunto a Parigi, le fazioni libiche non hanno fatto passi concreti e sono rimasti solo quattro mesi alle elezioni presidenziali e parlamentari, con l'inizio della strategia diplomatica italiana preparata da Giuseppe Conte, primo ministro d'Italia.

Giuseppe Conti ha in programma di organizzare una conferenza sulla Libia nel trattare e discutere tutte le questioni relative al popolo libico, comprese tutte le parti coinvolte nell'intera regione mediterranea.

Il futuro della Libia è ostaggio dei punti più importanti del prossimo accordo a Roma, anche se non si prevedono elezioni parlamentari e presidenziali a dicembre, che non è stato il referendum sulla costituzione libica della costituzione della legge elettorale in Libia.

Di Professor Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Scrittore ed analista politico ed economico libico