Tenere una elezione giusta ... E i politici vogliono abbellire la situazione in Libia!

Tenere una elezione giusta ... E i politici vogliono abbellire la situazione in Libia!

Le preparazioni dei politici libici non sembrano essere in esecuzione nelle prossime elezioni presidenziali e parlamentari, e la ri-idea delle prossime elezioni libiche dopo aver ottenuto una visione e un programma di lavoro vero e proprio per la Libia dalle sue crisi attuali.

Il ministro degli Interni, il commissario del governo di riconciliazione nazionale, di brigata Abdulsalam Ashour, ha sottolineato l'importanza di accelerare la risoluzione delle questioni strategiche relative allo sviluppo territoriale nei paesi esportatori l'immigrazione clandestina e unificare la visione della comunità internazionale del file libica.

L'idea è originariamente esposto alla Libia l'Italia attraverso il suo ambasciatore in Libia, che vede l'Italia, come un paese che ha un'influenza politica ed economica sulla Libia, non correre a tenere le prossime elezioni presidenziali e parlamentari senza garanzie di riconciliazione tra la politica in conflitto partiti.

Ma inviato delle Nazioni Unite Ghassan Salameh resta impegnata a risoluzioni delle Nazioni Unite per lo svolgimento delle elezioni presidenziali e parlamentari eque entro la fine di quest'anno, insieme alla tabella di marcia della Francia, che a sua volta ha abbracciato una conferenza in cui le forze nazionali libiche in competizione per il potere.

Oggi contiamo giù dagli ultimi mesi di quest'anno con la richiesta della comunità internazionale, in particolare i membri del Consiglio di Sicurezza, l'Unione Africana, l'Unione Europea e la Lega degli Stati arabi, per sostenere il popolo libico a correre attraverso il urna elettorale e gestire lo stato libico collassato.

Ciò che si trovano ad affrontare la Libia in questo momento sono una catastrofica, poliedrico, miseria umana, la corruzione politica, distruzione urbana e le rovine economiche.

È impossibile aspettare molti concorrenti di successo, i conflitti regionali e internazionali in Libia e la disastrosa situazione del popolo libico.

Il vero problema non è nelle prossime elezioni, che chiediamo di accelerare! Ma il vero problema è nei grandi pericoli in attesa di raggiungere il Popolo libico dopo le elezioni presidenziali e parlamentari quando non ci sono leggi legittime per governare il lavoro delle tre autorità legislative, giudiziarie ed esecutive.

E 'chiaro che il processo elettorale rapida, che non è regolata dalla legge del sistema elettorale che emana dalla costituzione libica permanente, aiuta la forza bruta e denaro corrotta di bande di oscurantista di influenzare continuare nella corruzione e la rovina dello Stato libico .

Diciamo sempre attraverso i nostri articoli che la differenza nel modo in cui pensiamo è di circa il lavoro democratica, la strategia del conflitto tra le forze esterne e interne, tra interessi esterni e l'interesse nazionale tra gli interessi della Libia e gli interessi dei paesi vicini libia.

La voce del popolo libico deve essere consentito di esprimere il proprio parere nella conduzione dei suoi affari attraverso elezioni eque e trasparenti e protetta dalla Costituzione nazionale libica permanente, così come lo erano il popolo della Libia nel vecchio tempo ha avuto una costituzione dell'anno cinquanta -uno dalle Nazioni Unite.

Chi è responsabile del crollo dello stato libico costituzionale? Una domanda attingiamo il popolo libico che vedono gli eventi in Libia non sta andando come dovrebbe essere come nei paesi sviluppati, democraticamente, politicamente, socialmente ed economicamente!

Coloro che vogliono bloccare i progressi in Libia sono gli stessi che oggi fanno gli stessi errori in Libia, che ha impiegato sette anni in Libia.

Noi non abbiamo il coraggio di dire loro che i poteri politici sono finiti, e le nuove elezioni sono sotto la sua strada all'interno dei confini della costituzione nazionale libica.

La povertà sta aumentando in Libia e non sono state osservate le misure da adottare per ridurre la povertà. Tuttavia, il colonialismo non è sostenuto da paesi stranieri tanto quanto dal popolo libico soffrono di un declino nelle economie dello stato libico e la redistribuzione della ricchezza al popolo libico generale.

La Libia sta attraversando disordini finanziari e divisioni nelle sue istituzioni sovrane e la rivalità tra i poli politici in conflitto sull'autorità libica.

Le dispute regionali e internazionali che rendono la Libia un facile bersaglio per le ambizioni arabi e stranieri, nello stato libica verso i propri interessi e non nell'interesse del popolo libico.

La Libia è stato destabilizzato da molti paesi stranieri, che oggi svolgono il ruolo di duplicazione del lavoro tra il critico e il partecipante nel lavoro di campagne politiche sulla Libia.

Il coinvolgimento di politici libici nella corruzione finanziaria non alleviare l'impatto delle sanzioni sui fondi libici congelati in banche internazionali a causa della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 2009, che chiedono per gli interessi nazionali, i diritti umani e il rispetto delle carte precedenti.

La situazione in Libia non è ancora migliorata dalla stabilità dello stato libico e la parità e la piena partecipazione delle donne e delle minoranze nel processo politico, l'assenza di riconciliazione e di unità nazionale, e la chiamata di tutti i libici ad aderire alle loro credenze e astenersi da atti di vendetta.

azione armata, milizie armate libiche, e il terrorismo in Libia sono ancora molto diffuse, e un po 'colpa della regione orientale per aver accusato direttamente Marshal Khalifa Hafer di coinvolgimento nella liquidazione della rivalità di gruppi terroristici.

Un aumento di tensione, non si preparerà per i progressi sulle concessioni tra le regioni orientali e occidentali.

Che a sua volta, la Libia non continuerà a dipendere dalla divisione di enti sovrani, politici, finanziari e bancari tra l'Occidente e l'Oriente.

Ci rendiamo conto che la Libia potrebbe effettivamente essere divisa in due stati, l'est e ovest, e due governi, il governo di riconciliazione nazionale nella capitale libica e il governo ad interim a est libico.

Il livello di sfida non è stato sufficiente per affrontare le difficoltà e gli ostacoli che la Libia ha di fronte, ma la catastrofica storia della Libia, mostra una questione politica delle Nazioni Unite per adottare ancora una volta l'idea della tutela della Libia!

Riforma i programmi che erano significativamente privi delle proposte del governo dell'Accordo Nazionale, proposte che non si applicavano sul terreno perché coloro che hanno messo queste riforme seppellivano la testa sotto la sabbia e non guardavano all'immagine pubblica che ha fatto fallire il paese dalla corruzione e appropriazione indebita e saccheggio di fondi pubblici.

Abbiamo pressioni sui Governi in Libia e la nostra pressione ci impone di fare riferimento allo stato di diritto costituzionale libico che stabilisce il corso dei governi e li fa riflettere nel quadro costituzionale nella questione dell'alleanza con l'Est, l'Ovest, il Nord e sud.

Di Professor Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Scrittore ed analista politico ed economico libico

Residente negli Stati Uniti d'America