La pressione sospetta sulla crisi dell'immigrazione è illegale in Libia

La pressione sospetta sulla crisi dell'immigrazione è illegale in Libia

Sto con il desiderio della natura umana di spostarmi e viaggiare da un luogo all'altro e contro la persona che mette le conseguenze e gli ostacoli legali e legittimi per ridurre la pratica della natura umana nella transizione e nella migrazione!

Tutti noi siamo alla ricerca di posti di qualità, sicurezza e felicità per vivere, ma il movimento e la migrazione non sono di per sé un problema, ma è naturale per tutti scegliere la forma legale di immigrazione secondo le usanze e le leggi dei paesi di destinazione.

I dati forniti a noi relativi alla demografia del continente africano da parte di alcuni organismi internazionali spaventosi e le istituzioni di immigrazione illegale, e da questa logica delle migrazioni illegali dall'Africa verso l'Europa e poi in tutto il mondo negli anni passati sono considerati accattivanti rapporti.

Migliaia di migranti arrivano in Italia dal mare, che è una crisi soffocante per l'Italia meridionale, che lascia il nord ogni anno, e come la migrazione dell'Africa verso l'Europa attraverso il Mediterraneo era la sua destinazione dal sud dell'Italia.

Tuttavia, la migrazione dall'Africa all'Europa non si limita all'entrata illegale di paesi; possono entrare in un paese per mezzo di visti ai fini della visita, quindi lavorare e non lasciare i paesi dopo la fine della loro residenza legale.

Ma la responsabilità dell'immigrazione illegale è nella ferma convinzione che sia responsabilità dei governi e in generale della classe dominante in quei paesi africani, il che significa che quasi due milioni di africani sono fuggiti in Europa.

Un fenomeno che dilaga tra gli esseri umani, spostando le persone dalle loro case d'origine ad altri luoghi sulla terra, alla ricerca di sicurezza, sicurezza e fuga dai servizi di sicurezza che li arrestano e li sottopongono al rispetto di centri malsani.

Qual è la forte insistenza sul ritorno degli immigrati nelle loro case d'origine ha violato la santità della cittadinanza africana nei loro paesi e poi nei centri di detenzione, forse è il giusto carattere economico che lavora per riportare milioni di africani ai loro paesi e rimanere in esso con sicurezza e una vita decente.

Gli investimenti in infrastrutture in Africa non sono ancora stati sostanzialmente completati in modo che il popolo africano possa rimanere nei loro paesi in modo significativo per lavorare sulla crescita e la prosperità del continente africano nel suo complesso.

Dobbiamo sapere che, a lungo termine, l'Africa rischia fortemente di essere trasferita nel mondo occidentale, il che ci porta due azioni importanti nel tanto atteso cambiamento nel continente africano, che è ricco di risorse naturali.

Approfondire la profondità della tecnologia e dei dati demografici in Africa e cercare di combinare queste cose in modo che i fattori diano il massimo dei prodotti, ma nello specifico non c'è stabilità nel continente africano a causa delle migrazioni umane in milioni verso l'Europa.

I fattori di stabilità in Africa sono particolarmente carenti, non c'è proliferazione di stabilità e c'è qualcosa di simile al coinvolgimento in corruzione, furto e appropriazione indebita.

Questo è il processo di investigazione e verifica della validità dei sospetti contro di loro prima di accusare il mondo occidentale di immigrazione clandestina.

Anni di migrazione illegale significano che devi fare, ovviamente, crisi economiche, politiche e finanziarie nel continente africano, ma i mezzi di migrazione sono iniziati anni fa con il grande afflusso in Europa dall'Africa attraverso il Mediterraneo.

Negli ultimi decenni, l'economia italiana è stata appesantita dal gap nord-sud dell'Italia, che negli ultimi decenni è stato ripreso con la marcata espansione degli strati sociali che hanno appannato il radar politico italiano nell'ultimo quarto del secolo, per essere visto come una fastidiosa seccatura si.

Il sud Italia è stato interessato da una massiccia migrazione interna nel nord, fuori e nel nord Europa e nei continenti americani negli ultimi decenni del XX secolo, ma questo continuo esaurimento di risorse umane, energia intellettuale e manodopera è stato catturato.

La situazione dello sviluppo dovrebbe basarsi principalmente sulla misura in cui i giovani sono trattenuti nell'Italia meridionale, ma il segno ha ancora una volta invertito il calo dei tassi di natalità e migrazione a nord e il declino della struttura abitativa meridionale ancora una volta.

Il crollo degli investimenti pubblici in Africa non rende le cose più facili per l'Europa, specialmente con il sud italiano, che riceve ogni anno milioni di migranti africani, e se non c'è lavoro, è necessario che vengano restituiti ai loro paesi di origine.

Di Professor Ramzi Halim Mavrakis

Uomo d'affari - Scrittore ed analista politico ed economico libico

Residente negli Stati Uniti d'America