La Lega Araba ospita una riunione quadripartita ... Il terrorismo infuria contro lo stato libico

La Lega Araba ospita una riunione quadripartita ... Il terrorismo infuria contro lo stato libico

È molto sbagliato limitare il conflitto politico in Libia ai tre territori libici nel carattere delle organizzazioni arabe, europee, africane e internazionali che cercano di disinnescare il conflitto tra i poli politici in conflitto tra loro senza riguardo ai fattori del terrorismo che affliggono il popolo libico ovunque in Libia.

È sbagliato qui dalla datazione degli inizi dell'unità e dell'unificazione di una nazione dopo l'attacco terroristico al quartier generale della Commissione elettorale a Tripoli, la capitale libica, che ha provocato la morte di martiri oltre a dozzine, feriti libici.

Gli attacchi terroristici si stanno verificando in Libia a causa dell'incapacità dello stato libico nella sua capacità di sicurezza di impedire attacchi terroristici alle urne e di prepararsi alle elezioni democratiche per portare la Libia nello stato delle istituzioni moderne.

A meno che il risultato dell'accordo politico non sia stato pienamente concordato nella città marocchina di Skhirat, la Libia continuerà a combattere il terrorismo per decenni, travolti dal caos politico, economico, sociale e di sicurezza.

La Lega Araba ha ospitato un incontro sotto la presidenza di Ahmed Aboul Gheit sulla questione del conflitto in Libia, che comprende il capo della missione di supporto delle Nazioni Unite Ghassan Salama e due rappresentanti sia dell'Africa che dell'Unione Europea.

L'incontro si inserisce nel consueto contesto degli impegni e dei chiarimenti delle organizzazioni internazionali e dello stretto coordinamento che esiste tra di loro nel continuo sostegno del processo politico per accompagnare i partiti politici in conflitto libici e raggiungerli per completare i diritti costituzionali ed elettorali stabilito in base all'accordo politico libico.

L'errore di ignorare il governo ad interim libico e le sue relazioni con il parlamento libico nella città orientale di Tobruk, che svolge il ruolo del governo del salvataggio della Libia orientale e l'acquisizione dell'intero governo nazionale di riconciliazione al potere da parte delle confessioni internazionali.

L'incontro delle organizzazioni internazionali presso la sede della Lega degli Stati arabi è stato sugli sviluppi politici e di sicurezza nell'arena libica dall'ultimo incontro del gruppo a New York lo scorso settembre.

Gli incontri sono in un circolo vizioso di annunci continui sulla stessa tesi del piano a tre fasi, composto da tre fasi e elementi comprensivi e non consecutivi è essenziale per svelare la politica libica sulla scena libica.

È sbagliato ignorare la sofferenza del popolo libico e fantasticare sul declino del conflitto politico tra i poli di conflitto libico dicendo che il conflitto in Libia è un conflitto tribale, che si è spostato una volta che la disputa sulle risorse andava sprecata all'aspirazione di una legittima partecipazione al potere e l'equa condivisione della rivoluzione libica.

La situazione in Libia non sta solo nel migliorare il coordinamento tra gli sforzi esterni per sostenere il processo politico e il processo di transizione verso un approccio democratico, ma anche nel ridimensionare la sicurezza libica e lo spazio geografico che caratterizza la Libia da est, ovest e a sud delle ambizioni esterne che aspirano a non compiere ulteriori progressi verso il consolidamento della sicurezza libica in tutta la Libia.

La Libia è un'estensione della crisi nazionale sin dall'alba dell'indipendenza, che è stata esacerbata oggi dal dilagante terrorismo e dal maltrattato trattamento da parte delle forze politiche libiche, che hanno formato i tre governi, i parlamenti e le milizie militari che hanno seguito la Libia nel governo e nel controllo.

Il Quartetto ha rivisto la situazione politica e di sicurezza dei paesi stranieri per l'interesse nazionale libico nel raggiungere la stabilità interna in Libia per esprimere ulteriori e ulteriori progressi nei piani di Ghassan Salama, Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite e Capo dell'ONU Missione in Libia.

La Libia nel suo insieme, la crisi ha superato l'ostruzione politica tra i partiti politici libici per raggiungere una soluzione permanente e pacifica alla situazione guidata dalla Libia lavorando alla vittoria del paese e sostenuto il popolo libico e il sostegno delle istituzioni sovrane unificate in la costituzione libica perpetua nel paese.

Ma le politiche e gli eccessi del governo di riconciliazione nazionale guidato da Fayez Al-Sarraj, che è fondamentalmente l'istituzione della crisi di entrare all'estero dalla fame e trasformato in una tragedia umana a livello dello stato libico, e molti di noi hanno scritto sulla crisi libica.

Ma poco è stato realizzato. Leggiamo raramente o ascoltiamo dichiarazioni di membri del governo nazionale degli Accordi, del Consiglio o del Consiglio Supremo dello Stato, direttamente su ciò che dicono alle figure politiche libiche sulla scena politica libica.

L'essenza della risoluzione della crisi libica risiede nelle mosse diplomatiche del popolo libico in tutto lo stato libico e non da un lato preferito dall'altra parte, che dipinge il popolo libico con un piano per imporre loro di camminare e commerciare.

Passi per tornare allo sviluppo economico della Libia, che lavora per trovare molte soluzioni per porre rimedio alla crisi libica, che collega la Libia alla tendenza verso la democrazia libica per risolvere il conflitto e collegare gli interessi del popolo libico a vicenda.

Riconosciamo che la Libia sta attraversando le peggiori condizioni di sicurezza, economiche e politiche che stanno lavorando per spazzare via il tessuto libico le une dalle altre nelle divisioni politiche e istituzionali, ma è il senso nazionale che ci porta a non uscire dagli accordi politici annunciato in Libia.

Al contrario, un nuovo decreto nazionale libico sarà adottato per prevedere una patria globale e completa per tutti i poli politici che sono in conflitto con l'Autorità nazionale libica. Alla fine vivranno con convivenza e fratellanza in una patria da est e ovest a sud.

Dal professor Ramzi Mavrakis