La partecipazione della Libia al summit africano ... Le élite politiche libiche non vogliono vedere

La partecipazione della Libia al summit africano ... Le élite politiche libiche non vogliono vedere i risultati

La trentesima sessione ordinaria del vertice dell'Unione africana, che si è svolta nella capitale etiopica di Addis Abeba, ha incontrato alcuni leader africani che hanno presentato alla loro agenda importanti questioni relative alla loro riforma e ai finanziamenti nell'Unione africana.

Era per l'istituzione dell'Area africana di libero scambio e la facilitazione della libertà di circolazione tra i loro paesi senza ottenere visti per circolazione all'interno del continente africano.

La crisi libica è una delle priorità del conflitto regionale, l'Unione africana è una piattaforma essenziale attraverso la quale la sua organizzazione diplomatica ha affrontato i problemi accumulati.

Un'organizzazione che rifletta le opportunità di partecipazione dei leader africani nell'affrontare l'eliminazione dei problemi nella risoluzione delle controversie interne tra i loro paesi senza indugio per le ragioni che stanno affrontando il continente africano.

Il vertice è un nodo in un periodo critico per circostanze delicate in cui il continente affronta molti problemi e crisi che interessano i paesi africani ed europei.

L'Africa ha la capacità di affrontare le sfide con determinazione e la volontà di porre fine alla sofferenza a tutti i livelli.

Il summit africano sta lavorando per eliminare il terrorismo che colpisce molti paesi africani e l'immigrazione clandestina.

Lavorare sullo sviluppo economico, il progresso, la pace e il lavoro per trovare soluzioni alla migrazione illegale e superare i suoi principali problemi come salute, istruzione, scienza e tecnologia e trovare lavoro nel continente africano.

Tuttavia, la situazione libica continua ad essere ambigua, insieme alle linee del conflitto politico libico, che svolge un ruolo importante nel continente africano.

Lo Stato della Libia è diventato un corridoio per un grande punto di passaggio per l'immigrazione clandestina, in particolare nella regione occidentale del paese, e il flusso di immigrati verso l'Europa è una ricerca di una vita più dignitosa.

In Libia c'è un'assenza di coscienza della tratta di esseri umani in cambio del loro trasferimento con denaro.

Il miglioramento di questa misteriosa narrazione richiede la rimozione di questo avido esperimento, ma è sufficiente per immaginare un desiderio per il campo della rovina umana nella vita di molti immigrati in Europa e la sicurezza della Libia del numero di immigrati che scorre ogni giorno in il paese della Libia.

La maggior parte di ciò che è stato discusso alla conferenza sono state le questioni relative all'immigrazione clandestina nel rapporto del Consiglio africano per la pace e la sicurezza, in cui la Libia è diventata il centro delle tensioni nei continenti africano ed europeo.

Le questioni spinose in Libia sono amplificate da shock politici, economici, sociali e militari, spostati internamente ed esternamente al popolo libico e poi dall'immigrazione clandestina attraverso il transito verso i paesi europei limitrofi.

Gli incontri miravano a trovare modi di cooperazione tra la lista del dialogo tra la Lega araba e l'Unione africana per raggiungere una soluzione politica globale della crisi libica.

E per accompagnare i partiti politici in conflitto per completare i vari benefici previsti dall'accordo di Skhirat e raggiungere le elezioni legislative e presidenziali proposte per la Libia quest'anno.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas, l'unico presidente al di fuori dell'Africa, ha fatto il suo discorso alla sessione di apertura per sottolineare lo sforzo di pace che richiede l'istituzione di un organismo internazionale multilaterale sotto l'egida delle Nazioni Unite e che gli Stati Uniti sono diventati un partito a Israele, all'occupazione israeliana.

Ora, in coincidenza con l'incontro degli africani ad Addis Abeba, il lavoro dovrebbe essere sulla tregua della nazione libica nel caso della situazione miserabile.

L'orario di lavoro dovrebbe rivalutare la situazione in Libia attraverso la crisi della coincidenza dei fattori di caos e omicidi in Libia.

Almeno, lavorare per alleviare le conseguenze delle crisi libiche e gli assassinii sul suolo libico e allontanarsi dal miraggio della speranza nella pace globale e in tutti i libici tra tutti i libici per raggiungere una nazione.

Dal professor Ramzi Mavrakis