Visione ... fuori dalla crisi libica

Visione ... fuori dalla crisi libica

La Libia non ha ancora iniziato a pensare al piano d'azione proposto per portare la Libia fuori dai conflitti politici, ma vediamo il totale rammarico per il deterioramento delle questioni libiche, da una situazione negativa a una peggio della Libia che soffoca crisi economiche e finanziarie.

Questi problemi sono dovuti al fallimento dei partiti politici libici nei conflitti per raggiungere l'unità degli spettri libici, che porteranno la Libia all'unità del suolo, per vedere e raggiungere gli obiettivi e stare insieme con il pieno impegno nazionale per la Grande Libia a prescindere dalle tendenze politiche ideologiche che a volte impediscono il raggiungimento degli obiettivi nazionali generali.

Va notato che le questioni libiche sono basate sulla mentalità culturale raffinata nell'interpretazione e rafforzamento dei tempi e dei tempi del passato, senza dare un riferimento all'uso della cultura moderna nel pensiero critico moderno.

Sono le richieste di impegnarsi in un moderno approccio democratico di fronte al successo e all'esistenza di soluzioni alla crisi libica, alle soluzioni logiche che li riguardano e ai paesi confinanti con la Libia e il mondo intero in Libia.

Una visione di uno stato moderno che sarebbe in linea con le percezioni internazionali "per essere deriso con il resto del mondo e non fuori di esso.

Ma molti di noi hanno fatto grandi sforzi per tenere la Libia lontana dal pericolo che affligge lo stato libico, che molti di noi hanno descritto varie descrizioni e visioni e obiettivi e obiettivi che cercano di ottenere in libertà, prosperità, giustizia e uguaglianza in Libia.

Ma la disputa tra i poli politici libici sull'arena libica e nei corpi delle istituzioni politiche statali libiche parallele, diffuse qua e là ha impedito l'armonia del popolo libico nelle loro aspirazioni umane.

Quello che vediamo oggi sono idee diverse nel cambiare il corso della rivoluzione popolare libica, alcuni chiedono un cambiamento nel corso degli affari con le armi che si diffondono in tutta la Libia, che si è diffusa in grandi quantità, e altri attribuiti a metodi pacifici significa di ricorrere alle urne e alla legge e alla giustizia transizionale.

Mentre altri cercavano il Royal Constitutional of Libya, la Costituzione del 1951 che il Regno di Libia adottato dalle Nazioni Unite come emendata nel 1963.

Coloro che chiedono l'adozione del progetto di dichiarazione costituzionale dopo il rovesciamento del precedente regime, stanno lavorando rapidamente al referendum del popolo libico prima delle imminenti elezioni dei nuovi corpi politici libici e la rimozione di un governo unificato nel prossimo anno del 2018.

Pertanto, la convinzione che una soluzione a questa spinosa questione libica non possa essere raggiunta, se non come una questione di tutti i libici nel loro complesso non parte, inclusi i multi-sette libici, ma non per l'esclusione dalla parte destra o dal lasciato o addirittura da membri del precedente regime.

Salvare il resto della ricchezza libica e il ritorno della Libia ai suoi abitanti dovrebbe essere fatto senza l'esclusione di alcun cittadino.

Il Piano di azione per la Libia è un piano che potrebbe aiutare a stabilizzare il quadro strategico della Libia e porre fine al quadro geopolitico nella regione e nei paesi che circondano lo stato libico che ci sostengono con la partecipazione delle Nazioni Unite all'accordo politico libico come quadro per una soluzione politica in Libia.

L'azione militare libica terminerà con la fine del terrorismo in Libia, le azioni militari non avranno alcun ruolo se non nella protezione del paese, del popolo libico e dello stato libico.

In queste difficili circostanze, la Libia non vuole che le Nazioni Unite la abbandonino, ha bisogno che le Nazioni Unite intraprendano negoziati con poli in conflitto in Libia, che ha sponsorizzato per condurre a una pace completa e giusta tra le sette in conflitto sull'interesse bilaterale della Libia e dell'autorità libica.

Gli accordi per smantellare gli scontri tra le milizie armate libiche e restituirli all'esercito libico per proteggere la Libia dalle mani nascoste che aspettano di destabilizzare la sicurezza e la stabilità della Libia, oltre alla copertura internazionale per sostenere le armi libiche dopo la revoca di l'embargo sulle armi delle Nazioni Unite e congelati i fondi libici.

Questo è il modello geopolitico che sta attraversando il caos libico, in cui la Libia è diventata così da poter controllare la sovranità interna della regione, per lasciare la Libia, lo Yemen, la Siria e l'Iraq una destinazione per il movimento armato.

La Libia ha vaste aree da controllare che richiedono uno stato di sicurezza stabile nei servizi di sicurezza, la polizia e l'esercito unificato sotto l'autorità dell'attuazione di una costituzione permanente approvata dello stato libico.

L'estremismo religioso e intellettuale non conosce l'esistenza di uno stato stabile o di un popolo unificato, ma è sempre alimentato dall'instabilità, il principio del sistema politico anti-libico, che è la situazione in Libia oggi.

L'emergere dell'idea di questa visione fu dalla crisi libica, per dare al popolo libico il concetto di unità tra tutti i libici.

La maggior parte dei paesi ha adottato il concetto di unità nazionale dopo le loro aspre guerre civili che li hanno portati a diventare uno dei paesi più potenti e progressisti del mondo.

I tradizionali paesi diplomatici del mondo esercitano questo approccio per ricorrere a garanzie globali che forniscono la giusta copertura per un sistema politico stabile.

Allo stesso tempo, la Libia deve riorganizzare il suo sistema politico che diventerà la nave giusta per accettare opinioni diverse ed evitare la lucida cultura della mente finché la Libia non emergerà dal collo di bottiglia della crisi.

Pertanto, la Libia sta affrontando i pericoli del blocco dei suoi fondi da parte del mondo occidentale e delle sue attività economiche e commerciali nel settore del petrolio e del gas, che costituisce il maggior ricavo dello stato libico. Queste tendenze contrastanti sono state ulteriormente complicate da il ritiro delle compagnie petrolifere e non petrolifere nel trattare con il crollo dello stato politico e di sicurezza libico.

La Libia rimane fonte di preoccupazione non solo per la circostante regione araba, ma il crollo del precedente regime ha lasciato un vuoto molto ampio nella sicurezza della regione per trasformare la Libia nel suo complesso in una fonte di operazioni terroristiche che raggiungono aree di politica e tensione economica in tutto il mondo.

L'intervento della Libia nella completa riconciliazione nazionale e nella conservazione del suo tessuto sociale tradizionale, in cui troviamo la fine di un caos senza fine, è una sfida geopolitica, non una sfida ideologica, e dobbiamo affrontarla a questo livello.

Dal professor Ramzi Mavrakis